ARBITRI AICS: IL NUOVO PRESIDENTE DEGLI ARBITRI E’ CARMELO DI MARTINO

image_pdfimage_print

AICS PARMA, IL NUOVO PRESIDENTE DEGLI ARBITRI E’ CARMELO DI MARTINO

 Il giovane direttore di gara, classe ‘85, siciliano di Vittoria, è stato eletto all’unanimità e succede al dimissionario Marangi.<Una bella sfida, vorrei riportare la sezione ai fasti di un tempo>

Sarà Carmelo Di Martino, classe ‘85, il nuovo presidente della sezione arbitrale “Bruno Bisagni” dell’Aics Parma: il giovane direttore di gara, siciliano di Vittoria in provincia di Ragusa, da tre stagioni all’interno dell’Aics, è stato eletto all’unanimità nel corso dell’assemblea di sabato scorso presso la sede del Comitato Provinciale e sempre affiancato dal delegato tecnico Gianfranco Liverani succederà al dimissionario Fabrizio Marangi, che era in carica da poco più di un anno. <Sicuramente mi inorgoglisce, è una bella sfida che ho colto al volo -afferma Di Martino, già arbitro dal 2000 nei ranghi della Figc- era sorta l’esigenza di un rinnovamento, cercavano un giovane con voglia di fare e volevo giocarmi quest’opportunità. Ringrazio tutti gli appartenenti alla sezione, da Scimò a Bottarelli fino ai miei colleghi, per la fiducia, le figure storiche dell’Aics ed il presidente Antonio Lazzara che ha avallato la mia nomina ad un incarico così importante nonostante sia arrivato da poco>. Ma ha saputo farsi conoscere ed apprezzare nell’ambiente fin dall’inizio. <Mi sono subito legato all’Aics, mi piacerebbe riportare la sezione ai fasti di un tempo. Dobbiamo creare una squadra competente aumentando gli standard di qualità attraverso una formazione continua, ci sono spiragli di ripresa che possono essere valutati più a lungo termine. Spero di poter dare una svolta all’intero movimento che necessita di nuove idee e forze fresche per ripartire più forte e compatto di prima>. Il lavoro non gli mancherà di certo ma le linee guida appaiono già ben tracciate. <Se non stiamo vivendo un bel momento è anche colpa di noi arbitri, bisogna ritrovare la passione per il nostro mestiere. L’arbitro deve essere preparato dal punto di vista atletico e del regolamento, umile ed anche psicologo per capire con che tipo di giocatori si sta rapportando>. Il primo obiettivo è quello di incrementare i numeri della sezione. <Attualmente siamo in una ventina e riusciamo a coprire i campionati attuali ma a metà stagione organizzeremo un corso arbitri per allargare e rinvigorire l’organico. Ho tanti progetti in cantiere ma sarà solo il tempo a parlare sulla bontà del nostro operato>.

m.b

 

Da sinistra Roberto Scimò, Carmelo Di Martino e Roberto Bottarelli (1)da sinistra: R. Scimo’; Carmelo DI MARTINO; R. Bottarelli