Comunicato del Presidente provinciale AICS – Fase 2 emergenza Covid19

image_pdfimage_print

Cari Presidenti,
da oggi 4 maggio il governo ha dato il via alla Fase 2 per l’emergenza coronavirus.
Le giuste pressioni per una graduale ripresa dell’economia hanno avuto la meglio sulle resistenze sanitarie.
Purtroppo siamo ancora in una situazione che, a sentire governo, esperti di statistica e sanitari, si dimostra ancora pericolosa, anche se la forza del virus e la sua contagiosità tendono ad attenuarsi.
L’agente patogeno miete ancora molte vittime: troppe persone, a mio parere, non hanno ancora colto fino in fondo la gravità del momento che viviamo e si lasciano andare a un ottimismo prematuro, correndo e facendo correre a chi li avvicina rischi enormi.
Credo che le informazioni che i Media ci danno siano degne di attenzione, da qualsiasi parte provengano: sta a noi, con comportamenti maturi e responsabili, far si che il contagio sia frenato e arginato il più possibile. Solo così la fase 2 potrà produrre effetti positivi, quali il calo dei contagi e ciò che ne consegue.
Finora abbiamo dimostrato consapevolezza e responsabilità nella stragrande maggioranza: bisogna continuare a farlo.
Il rispetto delle regole è essenziale. Vi ricordo le più importanti:
Divieto di assembramento
Distanza interpersonale di almeno 1 metro, meglio se 2
Uso obbligatorio della mascherina, specialmente in luoghi chiusi accessibili al pubblico e, aggiungo, dei guanti in lattice o altro materiale idoneo alla protezione delle mani
L’attività motoria è permessa individualmente anche lontano da casa
E tante altre regole che si possono leggere su qualsiasi quotidiano o sito ufficiale.
Gli uffici del Comitato di Parma resteranno chiusi ancora per 15 giorni, fino al 16 maggio, decisione concordata con la segreteria, giustificata dal fatto che il lavoro ( poco per la verità vista la chiusura totale di tutti i circoli) può essere svolto da casa da parte di Iolanda, per telefono o via mail, cosa che si sta facendo in queste settimane di black out.
In attesa di tempi migliori e nella certezza che arriveranno, Vi rinnovo l’invito ad un uso esagerato della prudenza e del buon senso in ogni momento della giornata.
La mia preghiera è di fare giungere a tutti i soci dei vostri Circoli questo mio messaggio.
Grazie per l’attenzione.
Uniti ce la faremo!!
Con ottimismo.
Il presidente
Antonio Lazzara.